Cerca nel blog

giovedì 14 gennaio 2021

I SEGNALI CHE LA GOSPA CI HA DATO PER AVVERTIRCI CHE GIÀ SIAMO ENTRATI NEI SEGRETI - (II PARTE)

 

 LE GRANDI PULIZIE COMINCIANO DA TE


 


Ci eravamo lasciati con una domanda: a che livello avviene la pulizia per la quale la Mamma ha bisogno dell’aiuto dei suoi Figli?

Dal momento che noi non conosciamo i segreti, dipendiamo in tutto dai veggenti che li conoscono. Questo significa che anche i più piccoli spiragli che loro ci lasciano sono importanti per noi.

Nella prima parte di questa riflessione ho riportato per intero le parole che Mirjana utilizza alla fine del suo diario: il tono che usa e la disposizione che hanno nel diario le rendono decisive. La veggente ha avuto tutto il tempo per riflettere e ponderare queste parole.

Cosa ci sta dicendo Mirjana che avverrà con i segreti e che è già cominciato?

Una grande pulizia, cioè una grande purificazione. Concludendo il suo esempio, Mirjana afferma: “Ecco come vedo la confusione del mondo di oggi, come vedo le apparizioni della Madonna e il piano di Dio.”

 Poiché la casa di cui lei parla nel paragone è il mondo e la Chiesa, e i cambiamenti a cui condurrà la pulizia saranno epocali e stabili, possiamo anche immaginare che la pulizia sarà di proporzioni mai viste prima. Più grandioso è il progetto (“convertire il mondo intero”, 25 giugno 2007) e più radicale sarà la pulizia.

Per ciò che riguarda la Chiesa, il progetto consiste nel riportarla al disegno originario:

come mio Figlio la desidera: limpida come acqua di sorgente e piena d’amore.” (2 marzo 2018).

           E noi adesso sappiamo che questa pulizia è iniziata. Ma sappiamo anche che essa è legata al Trionfo del Cuore Immacolato di Maria, che cioè, quando la grande pulizia sarà finita col decimo segreto, si realizzerà il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria.

Commentando il suo stesso esempio, Mirjana conclude con una esortazione alquanto illuminante: “Che il trionfo del suo cuore inizi da te!”. Come a dire: fa la pulizia che ti consiglia la Gospa, aiutala come suo apostolo anche nel lavoro che Ella sta portando avanti con le sue apparizioni e vivrai in anticipo il trionfo del suo Cuore.

 Ma se ci sono persone che vivono già questo trionfo, allora sappiamo in cosa consiste la pulizia a cui si riferisce Mirjana.

Cari figli, desidero condividere con voi la mia gioia. Nel mio Cuore Immacolato io sento che ci sono molti che si sono avvicinati a me e portano in maniera particolare nei loro cuori la vittoria del mio Cuore Immacolato pregando e convertendosi.” (25 agosto 2000).

Qui la Madonna dice che il trionfo del suo Cuore è vissuto da molti che pregano e si convertono. Se milioni di persone si sono lasciate coinvolgere nella preghiera e nella conversione che ha insegnato Maria a Medjugorje, allora adesso milioni di persone dovrebbero vivere grazie a Medjugorje il trionfo del Cuore Immacolato. Ma, attenzione, la Madonna parla di “molti”, non di tutti. Quei molti che vivono nel loro cuore il trionfo del Cuore Immacolato, hanno il dovere di trascinare a questo livello il resto del mondo. Il 25 aprile 2011 la Madonna disse “vi invito a testimoniare con la vostra vita e ad aiutare gli altri ad avvicinarsi al mio Cuore Immacolato perché la fiamma dell'amore verso l'Altissimo germogli nei loro cuori.”

Con i suoi Apostoli la Gospa ha perfezionato questo programma, in modo che essi siano il prototipo di coloro che vivono la vittoria del suo Cuore.

 

Il Trionfo verrà, dopo una grande purificazione, perché l’umanità non è pronta ad accogliere ciò che si stabilirà con esso: questo è lo scopo dei segreti.

Tempo fa ho capito qualcosa in più dell’esempio che Mirjana porta alla fine del suo libro, e sul quale ci stiamo soffermando.  

Dopo aver sistemato il contenuto di diversi scomparti della mia libreria, ho osservato quello che io stesso stavo facendo, e ho notato qualcosa che nell’esempio di Mirjana prima mi sfuggiva. Non si tratta infatti di togliere un po’ di polvere. Infatti ho dovuto rimuovere tutto dalla sede in cui si è trovato per tanto tempo, cernendo e vagliando l’utile dall’inutile, separando ciò che serve da ciò che non serve, ma, e qui viene il bello, destinando un bel po’ di libri ad essere buttati.

Dopodiché ho rimesso tutto in ordine.

Vagliare è un’opera biblica. Assomiglia molto a ciò che succederà alla fine del mondo quando, secondo l’esempio portato da Gesù, il grano verrà separato dalla pula, ciò che è buono da ciò che è cattivo.

Adesso, come risultato degli eventi contenuti nei segreti, attendiamo una purificazione profonda, che somiglia tanto alla purificazione finale.Ci sarà una purificazione interna ed una esterna, ma quella più importante riguarda il cuore degli uomini: la conversione del mondo intero a Dio. Quella esterna ha a che fare con le cosiddette strutture di peccato. È quello che sarà buttato.

In tutti e due i casi la purificazione non sarà indolore, poiché deve essere radicale, infatti anche nel cuore dell’uomo c’è molto da buttare.

Ogni persona dovrà affrontare questa purificazione.

Nei primi anni delle apparizioni, uno dei veggenti interrogato da padre Ljudevit Rupčić, alla domanda “La Signora ha affidato alcuni segreti?”, rispose: “Io ne conosco sette. Il primo segreto riguarda la Chiesa di Medjugorje, i segni, tutta l’umanità e ognuno, la Chiesa in generale. Ce ne sono anche per noi.”.

Dicendo “tutta l’umanità e ognuno”, intendeva dire che ci sarà qualcosa che riguarderà ogni persona singolarmente, e che non ci si potrà nascondere nella massa.

Perciò quando io dico che gli Apostoli vivranno in anticipo il Trionfo, intendo dire che, se essi obbediranno ai consigli della Gospa, questa purificazione l’avranno già attraversata in anticipo, mentre per gli altri la purificazione sarà drammatica. Agli Apostoli la Gospa ha insegnato una scorciatoia. Essi inoltre saranno arricchiti di grazie supplementari che costituiscono un anticipo dei frutti di questo Trionfo.

E in effetti l’insistenza della Gospa sulla necessità che i suoi Apostoli abbiano “cuori puri e umili”, quindi purificati, scopre il rovescio della medaglia, che cioè tutti coloro che non avranno accettato questa opportunità dovranno affrontare una purificazione dolorosissima.

Cari figli, sono accanto a voi perché desidero aiutarvi a superare le prove che questo tempo di purificazione mette davanti a voi.(2 Settembre 2010).[1]

Le prove e la purificazione sono per tutti, credenti e non credenti, Apostoli e non.

Anche nei messaggi a Marija la Madonna ha parlato molte volte di prove. “Io sono rimasta così a lungo tra voi per aiutarvi nelle prove.” (7 febbraio 1985), disse una volta la Madonna. Prove che riguardano la crescita spirituale dei suoi cari figli, e quindi la loro purificazione:

Cari figli, oggi vi voglio avvertire che Dio desidera inviarvi delle prove: le potrete superare con la preghiera. Dio vi prova nelle vostre occupazioni quotidiane.” (22 agosto 1985).

Cari figli, questo è il tempo di grandi grazie, ma anche il tempo di grandi prove per tutti coloro che vogliono seguire la via della pace.” (25 dicembre 2002).

Ma prove anche di un altro tipo:

Figlioli, verranno le prove, e voi non sarete forti ed il peccato regnerà, ma se siete miei, vincerete perché il vostro rifugio sarà il Cuore di mio Figlio Gesù.” (25 luglio 2019).

         La Madonna, in un messaggio rivolto ai suoi Apostoli, parlò di “una via verso la vostra purificazione”, lasciando intravedere quindi la prospettiva di un altro tipo di purificazione, quella che ho chiamato scorciatoia:

Pregate e digiunate, perché questa è la via verso la vostra purificazione, questa è la via per conoscere e comprendere il Padre Celeste.” (2 giugno 2013).

         Il tempo della purificazione comincia prima in modo non prevedibile dagli Apostoli, perché anche il trionfo del Cuore Immacolato inizia da loro. Essi sono chiamati a colmare il vuoto lasciato da quei “molti” che già vivono il trionfo nel cuore:

 “Apostoli del mio amore, dovete pregare molto e purificare i vostri cuori, in modo che siate voi i primi a camminare sulla via di mio Figlio; in modo che siate voi i giusti uniti dalla giustizia di mio Figlio.” (2 aprile 2018).

Ma il vero Apostolo, offrendo la propria vita nelle mani della Gospa per “coloro che non conoscono l’Amore di Dio”, accetta altre prove che sono permesse dal Signore stesso:

La strada sulla quale io vi guido è difficile, piena di prove e di cadute. Io sarò con voi e le mie braccia vi sosterranno. Siate perseveranti affinché alla fine del cammino tutti insieme, nella gioia e nell’amore, potremo tenerci per le mani di mio Figlio.” (18 marzo 2008).

 “Questo è il tempo della vostra messa alla prova. Col Rosario in mano e l’amore nel cuore venite con me.” (2 marzo 2012).  

 “Mio Figlio ed io saremo accanto a voi, vi incoraggeremo e vi metteremo alla prova.” (2 ottobre 2016).

San Luigi Maria Grignion de Montfort parlando degli Apostoli degli ultimi tempi spiega perché il Signore manderà loro queste prove:

per metterli alla prova e renderli ancora più degni di sé, procura loro grandi lotte e riserva loro contraddizioni ed ostacoli in quasi tutto quello che intraprendono.” (L’amore dell’eterna Sapienza, n. 100).

In realtà il Signore mette alla prova gli Apostoli della Regina della Pace per renderli idonei ai compiti loro assegnati, che sono determinanti per accelerare il raggiungimento del Trionfo del Cuore Immacolato.

Tutto questo, insieme al percorso verso cuori puri ed umili e all’offerta delle proprie sofferenze, produce la purificazione negli Apostoli.

Torna dunque a proposito l’esclamazione di Mirjana, “Che il trionfo del suo cuore inizi da te!”:

“Sarai forse come la maggior parte dei figli che mentre la mamma pulisce, se ne restano in disparte, o non avrai paura di sporcarti le mani e di aiutarla?

Come la Madonna ha detto in uno dei suoi messaggi: “Desidero che insieme, per mezzo dell’amore, i nostri cuori trionfino”.

Che il trionfo del suo cuore inizi da te[2]».

Ma qual è il percorso che la Gospa ha suggerito ai suoi Apostoli per avere cuori puri e umili?

 A dire il vero ho già affrontato questo tema, ritenendolo, per le stesse parole della Madonna, la “conditio sine qua non”, a prescindere dal tema che stiamo trattando, come base ineludibile per la missione degli Apostoli della Regina della Pace.

Ma ritorno lo stesso, volentieri sulle mie riflessioni precedenti, anche se so che tanti le hanno già fatto fruttare.

Franco Sofia

FONTI CITATE:

Franco Sofia, Medjugorje. Apostoli della Regina della Pace. Ultima chiamata, Mimep, 2020, Capitolo Quarto

Mirjana Soldo, Il mio Cuore trionferà, Editore Matica hrvatska, Citluk, 2016

Ljudevit Rupčić, Apparizioni della Madonna a Medjugorje, ed. Ancora, Milano, 1984

 

PRIMA PARTE DI QUESTA RIFLESSIONE: https://apostolidellareginadellapace.blogspot.com/2020/07/i-segnali-che-la-gospa-ci-ha-dato-per.html



[1] Franco Sofia, Medjugorje. Apostoli della Regina della Pace. Ultima chiamata, Mimep, 2020, Capitolo Quarto

[2] Mirjana Soldo, Il mio Cuore trionferà, cit.

lunedì 11 gennaio 2021

I SEGNALI CHE LA GOSPA CI HA DATO PER AVVERTIRCI CHE GIÀ SIAMO ENTRATI NEI SEGRETI - (I PARTE)




                I SEGNALI CHE LA GOSPA CI HA DATO PER 

AVVERTIRCI CHE GIÀ SIAMO ENTRATI NEI SEGRETI



Vorrei mettere in evidenza alcuni segnali che la Madonna stessa ci ha dato del nostro approssimarci progressivo all’interno dei segreti, e mostrare come essi sono legati al progetto di formazione dei suoi Apostoli.

Partiamo da quelli che la Gospa ci ha dato attraverso Mirjana. Da alcuni anni infatti Mirjana afferma che “gli eventi [contenuti nei segreti] sono già avviati”.

Così ella scrive nel suo diario: “La Madonna mi ha detto molte cose che ancora non posso rivelare. Per ora posso solo immaginare cosa ha in serbo il futuro, ma da alcune indicazioni capisco che gli eventi sono già avviati. Le cose stanno cominciando piano piano a svilupparsi. Come dice la Madonna, guardate ai segni del tempo e pregate[1].

Da questo punto di vista siamo già entrati nei segreti.  Per fare un esempio antipatico, ma attuale: è come se dicessimo che il virus è già in circolazione, ma non siamo ancora nel pieno della pandemia.

È vero che più che altro “gli eventi avviati” hanno a che fare col disordine, tuttavia da un punto di vista positivo la stessa scuola degli Apostoli deve essere inserita tra questi “eventi… che si stanno sviluppando piano piano”. Quindi come ordine contro il disordine, o come anticorpi contro il Male.

Mirjana ha cominciato a fare queste affermazioni in vista del 30° anniversario delle apparizioni, quindi nel 2011. Sono gli anni in cui la Gospa intensifica la formazione dei suoi Apostoli.

Ma osserviamo ciò che, anche se sotto forma di metafora, dice Mirjana riguardo allo sviluppo di questi eventi:

«Posso paragonare tutto ciò alle pulizie di primavera. Se voglio che la mia casa sia impeccabile, devo come prima cosa mettere tutto sottosopra: spostare il divano, mettere le sedie sul tavolo, aprire tutte le credenze – niente, insomma, resta al suo posto. La casa è nel caos, in disordine, è irriconoscibile per i miei figli, non c’è più la pace. Ma poi pulisco sotto ogni cosa. Tolgo tutta la sporcizia. Quindi rimetto ogni mobile al suo posto. Alla fine, la mia casa è più immacolata di prima.

Ecco come vedo la confusione del mondo di oggi, come vedo le apparizioni della Madonna e il piano di Dio.

La vera pulizia di una casa inizia da una grande confusione. Sarai forse come la maggior parte dei figli che mentre la mamma pulisce, se ne restano in disparte, o non avrai paura di sporcarti le mani e di aiutarla?

Come la Madonna ha detto in uno dei suoi messaggi: “Desidero che insieme, per mezzo dell’amore, i nostri cuori trionfino”.

Che il trionfo del suo cuore inizi da te[2]».

 “La descrizione fatta da Mirjana del dipanarsi metaforico dei segreti, lascia trasparire la certezza di un mondo futuro senza “confusione”, senza “caos”, senza “disordine”, senza “sporcizia”, “immacolato”, “impeccabile”.[3]

In questo paragone troviamo dunque “la mamma che pulisce”, ma che ha bisogno di essere aiutata dai suoi figli, cioè tutti coloro ai quali ha detto “grazie per aver risposto alla mia chiamata”, ma soprattutto quegli Apostoli che Ella ha formato in tutti questi anni, chiamandoli a collaborare con Lei alla pulizia.

Ora, la Madonna ha iniziato e ha finito il progetto di formazione dei suoi Apostoli. Per giungere a quei cambiamenti epocali che tutti attendiamo da 39 anni, occorreva prima concludere questo progetto, cosa che si è realizzata il 18 marzo 2020 scorso, quando la Madonna attraverso la veggente Mirjana ci fece sapere che le apparizioni del 2 del mese erano terminate.

Ma solo se si capisce il progetto che la Gospa ha portato avanti in questi anni con i suoi Apostoli, si può comprendere perché esso è uno dei segnali principali che gli eventi sono avviati.

Partiamo dagli inizi, dal primo ventennio delle apparizioni.

A Medjugorje avviene qualcosa che assomiglia a ciò che fa un regista quando vuole evidenziare un personaggio, mettendolo gradualmente a fuoco, fino a far sfocare, disponendolo in secondo piano, senza nasconderlo, il resto della scena.

È Mirjana che gradualmente passa in primo piano, come in una sorta di graduale rivelazione:

25 dicembre 1982 fine delle apparizioni quotidiane a Mirjana;

26 agosto 1984, inizio locuzioni interiori;

2 agosto 1987, inizio apparizioni del 2 del mese;

2 febbraio 1997, inizio apparizioni pubbliche;

18 marzo 2000, inizio della chiamata degli Apostoli della Regina della Pace.

E, come si vede dal grafico allegato, a poco a poco aumentano le apparizioni pubbliche a Mirjana con messaggi, fino a quando nel 2008 raggiungono, stabilizzandosi, le 13 apparizioni annuali.




La progressione di questi episodi legati a Mirjana costituisce un appello a riflettere che ci troviamo a passare da una preparazione remota agli eventi futuri a una più imminente. Insomma, anche così la Madonna ci fa capire che ci avviciniamo alla realizzazione dei segreti. E infatti dopo il 2012 la Madonna aumenta la pressione sui suoi Apostoli, intensificandone la formazione.

Inoltre, Mirjana è stata la sola ad avere apparizioni non solo pubbliche, ma manifestamente alla portata di tutto il mondo. I media hanno portato l’apparizione a Mirjana in tempo reale a tutto il mondo; e il bello è che Mirjana non si è sottratta a fotografi e a riprese televisive: indice anche questo che sta arrivando il momento della rivelazione di ciò che era segreto.  Insomma, c’è stata una rivelazione progressiva di Mirjana a cui corrisponde un avvicinamento alla rivelazione ormai imminente dei segreti.”[4]

Adesso, conclusa la formazione degli Apostoli e gli appelli al mondo, con l’ultimo messaggio del 18 marzo 2020 e la fine delle apparizioni del 2 del mese, Mirjana ha cominciato la preparazione finale, in attesa di rivelare i segreti, nel nascondimento.

Se ci avete fatto caso, alla chiusura di quest’ultimo messaggio la Madonna si comporta come Gesù quando lascia ai suoi apostoli il Suo testamento.

Queste le ultime parole del messaggio: “Come mio Figlio, anche Io vi dico amatevi gli uni gli altri[5] perché senza amore non c'è salvezza. Vi ringrazio, figli miei.” (18 marzo 2020).

Certo, se gli Apostoli sono i primi ad aiutare la Gospa in queste pulizie, viene da chiedersi a quale livello avviene la pulizia. Ma a questo dedicheremo altre riflessioni.

Una cosa è certa: tutto quello che la Madonna ha insegnato in questi 39 anni, in particolare ai suoi Apostoli, serve per questa pulizia.

Mentre dunque attendiamo, con timore e tremore, le grandi pulizie, rimbocchiamoci le maniche e cominciamo ad aiutare la nostra Mamma, come suoi veri Apostoli. Perché una cosa non è finita: la pulizia.

E poiché la pulizia che sarà oggetto dei segreti riguarda in primo luogo gli Apostoli, è ragionevole indagare nei messaggi per trovare indizi sulla sua natura.

Per intanto riascoltiamo la domanda di Mirjana: “Sarai forse come la maggior parte dei figli che mentre la mamma pulisce, se ne restano in disparte, o non avrai paura di sporcarti le mani e di aiutarla?”

(continua)

Franco Sofia



[1] Mirjana Soldo, Il mio Cuore trionferà, p.377

[2] Ivi.

[3] Vedi Franco Sofia, Medjugorje. Apostoli della Regina della Pace. Ultima chiamata, Mimep, 2020, Capitolo Quarto

[4] Franco Sofia, Medjugorje. Apostoli della Regina della Pace. Ultima chiamata, Mimep, 2020, Capitolo Settimo.

[5] È possibile che qui la Gospa ci abbia lasciato un segno trasversale? Infatti nel vangelo di Giovanni da questo testamento progressivamente si entra nella Passione. Capitolo 15: Gesù lascia il suo testamento, affidando ai suoi apostoli il grande comandamento dell’amore: “Amatevi gli uni gli altri, come io vi ho amato.” Capitolo 16: Gesù annuncia tribolazioni e persecuzioni per gli apostoli. Capitolo 17: troviamo la grande preghiera di Gesù. E, a partire dal capitolo 18, ha inizio la passione, che come sappiamo si conclude con la Sua morte e risurrezione.


venerdì 8 gennaio 2021

UNA FOTO RARA





La veggente Vicka in primo piano con padre Jozo e un'altra ragazza, nei luoghi dell'apparizione.  

La foto (4 luglio 1984) si trova nel libro di padre Ljudevit Rupčić, Apparizioni della Madonna a Medjugorje, ed. Ancora, Milano, 1984.


martedì 5 gennaio 2021

IL GRANDE PIANO DI DIO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI APOSTOLI

 

IL GRANDE PIANO DI DIO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI APOSTOLI 

(QUARTA PARTE)

 

Apparizione 2 ottobre 2017 (foto Djani)

Al grande piano di Dio e di Maria corrisponde la grande responsabilità degli Apostoli della Regina della Pace, visto che vi sono coinvolti come protagonisti. “Spetta a voi”, dice loro Maria:

     Cari figli, Apostoli del mio amore, spetta a voi diffondere l’Amore di mio Figlio a tutti coloro che non l’hanno conosciuto. […]  Spetta a voi, Apostoli miei, riconoscerlo, viverlo e diffonderlo.” (2 aprile 2017).

Leggendo i messaggi dati a Mirjana colpisce il tono accorato della Madre che cerca in tutti i modi di far toccare con mano ai suoi Apostoli questa grande responsabilità legata alla loro missione:

Figli miei, su di voi c’è una grande responsabilità.” (2 giugno 2012).

Quello stesso anno 2012, che è poi un anno fondamentale per la spinta data dalla Madonna al movimento dei suoi Apostoli, Ella ritorna a calcare la mano sul tema della responsabilità:

Figli miei, vi è data la grande grazia di essere testimoni dell'Amore di Dio. Non prendete alla leggera la responsabilità a voi data. Non affliggete il mio Cuore materno. Come Madre desidero fidarmi dei miei figli, dei miei Apostoli.” (2 novembre 2012).

E per far comprendere la serietà della loro missione si spinge fino ad ammonirli:

Cari figli, per mezzo dell’immenso Amore di Dio io vengo tra voi e vi invito con perseveranza tra le braccia di mio Figlio. Vi prego con Cuore materno, ma vi ammonisco anche, figli miei, affinché la sollecitudine per coloro che non hanno conosciuto mio Figlio sia per voi al primo posto. Non fate sì che essi, guardando voi e la vostra vita, non desiderino conoscerlo.” (2 marzo 2012).   

Qui la Madonna dice “sia per voi al primo posto”, cioè per voi che avete aderito alla missione di Apostoli. Per voi, perché per altri potrebbe non esserlo. È la posizione speciale dell’Apostolo a richiedere da parte sua una responsabilità che ad altri non viene chiesta, e che la Madonna richiama a più riprese. Per incoraggiarli ad assumersi questa responsabilità, Ella fa delle promesse che non ha fatto altrove.[1]

La consapevolezza di questa responsabilità fortifica l’Apostolo, e lo rende più convinto di fronte alla rivelazione che il Cielo è impegnato in un grande sforzo di effusione di grazia a sostegno del suo impegno. Sapere di essere scelti[2] costituisce una ulteriore sfida a realizzare con ancora più responsabilità la missione a loro affidata.

Figli miei, siete scelti perché nel vostro tempo una grande grazia di Dio è scesa sulla terra. Non esitate, accoglietela.” (2 aprile 2008).

 Cari figli, in questo santo tempo di lieta attesa Dio ha scelto voi piccoli per realizzare i suoi grandi progetti.” (2 dicembre 2008).  

Non possono tradire la fiducia che il Padre ha riposto in loro:

 Figli miei, Apostoli miei, grande è la fiducia che il Padre Celeste, attraverso me, la Sua serva, vi ha dato, per aiutare coloro che non lo conoscono, affinché si riappacifichino con Lui, affinché Lo seguano.” (2 agosto 2013).
L’Apostolo si fa ancora più piccolo quando vede la Madonna così assorbita nel tentativo di formarlo per farlo diventare grande e forte per la battaglia:

Cari figli, io sono con voi per la grazia di Dio: per farvi diventare grandi, grandi nella fede e nell’amore, tutti voi.” (2 giugno 2008).

Davanti agli Apostoli è stato messo più di un traguardo decisivo per la storia della Chiesa e dell’umanità:

·         attraverso l’ubbidienza agli insegnamenti di Maria, essi vedono in lontananza la vittoria dopo una grande battaglia:

Seguite mio Figlio e datemi le vostre mani, affinché insieme saliamo sul monte e vinciamo.” (2 luglio 2007);

·         sono sicuri che

Il Male non vincerà mai, perché qui ci siete voi, anime dei giusti.” (2 novembre 2014);

·         inseguono e avvistano sempre più vicino il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria:

Tutto ciò vi rende miei apostoli e vi conduce al trionfo del mio Cuore.” (2 novembre 2014); 

Io, attraverso di voi, trionferò.” (2 giugno 2007);

·         sanno già che esso avverrà anche in modo miracoloso:

Se voi non temete e testimoniate con coraggio, la Verità trionferà miracolosamente.” (2 giugno 2015).

Gli Apostoli, che sono in prima linea in questo grande piano di Dio che porta al trionfo del Cuore Immacolato di Maria, sanno che questa responsabilità riguarda la salvezza dell’umanità e il rinnovamento della Chiesa:

Vi invito ad essere uno strumento attraverso il quale tutti coloro che non hanno conosciuto l’Amore di Dio, che non hanno mai amato, comprenderanno, lo accetteranno e si salveranno. Vi ringrazio, figli miei!” (2 novembre 2016).   

Essi sono inseriti da protagonisti in questo meraviglioso progetto di “cambiare il mondo”, per realizzare il quale Dio ha inviato Maria. Ed Ella l’ha fatto capire neanche così tanto velatamente:

Cari figli, come Madre sono con voi per aiutarvi con il mio amore, preghiera ed esempio a diventare seme di ciò che avverrà, un seme che si svilupperà in un forte albero ed estenderà i suoi rami nel mondo intero.” (2 dicembre 2011).  

«Diventare seme di ciò che avverrà», afferma Maria. E «ciò che avverrà», è contenuto nei dieci segreti. Però la Madonna, secondo il suo stile, non vuole spaventarci, e per questo motivo ci presenta la conclusione dello sviluppo del seme: il trionfo del Cuore Immacolato di Maria, il trionfo del Cuore di Gesù e il trionfo del Cuore della Chiesa: «un forte albero» che «estenderà i suoi rami nel mondo intero».  E nello stesso messaggio lo precisa una seconda volta: «Per divenire seme di ciò che avverrà, seme dell’Amore, pregate il Padre che vi perdoni le omissioni finora compiute».

 Ciò che avverrà sarà dunque l’Amore, appunto i trionfi dei Cuori di Gesù, di Maria e della Chiesa, che significano la salvezza del maggior numero di persone possibili e l’instaurazione di un ordine nuovo nel mondo. Anche l’espressione estendere i rami nel mondo intero, indica un trionfo. Una ulteriore precisazione a riguardo troviamo nel messaggio del 18 marzo 2013:

Mio Figlio tramite Me vi prepara per le opere che desidera fare tramite voi, attraverso le quali desidera glorificarsi. RingraziateLo”.

In questo piano si inserisce un progetto altrettanto misterioso e grandioso: ai suoi Apostoli infatti, la Madonna chiede di rinnovare anche la Chiesa:

"In questo momento, vi chiedo di rinnovare la Chiesa." (2 aprile 2005).

Quando la Madonna diede questo messaggio, Mirjana sulle prime non ha capito bene, perché pensava si trattasse di un colloquio privato,

e ha risposto: «Questo è troppo difficile per me. Posso io fare questo? Possiamo noi fare questo?» ... La Madonna risponde: «Figli miei, io sarò con voi! Apostoli miei, io sarò con voi e vi aiuterò! Rinnovate prima voi stessi e le vostre famiglie, e vi sarà più facile». Mirjana dice: «Stai con noi, Madre!" (2 aprile 2005).

Perché i suoi Apostoli non si scoraggino in questo compito, la Madonna utilizza un linguaggio biblico[3]: “Io sono con voi” e “Io sarò con voi”, corredando i suoi inviti con numerose promesse e incoraggiamenti.

Gli Apostoli sono chiamati a trascinare con sé tutti coloro che manifesteranno apertamente il loro credo in Dio, verso la Terra Promessa del Trionfo del Cuore Immacolato di Maria, come ha fatto intendere in un messaggio la Vergine Maria:

Io desidero guidarvi verso la libertà delle promesse di mio Figlio perché desidero che qui si compia completamente la volontà di Dio; e che attraverso la riconciliazione con il Padre Celeste, il digiuno e la preghiera nascano Apostoli dell'Amore di Dio, Apostoli che liberamente e con amore diffonderanno l'Amore di Dio a tutti i miei figli, Apostoli che diffonderanno l'amore fiducioso nel Padre Celeste e apriranno la porta del Cielo.” (2 luglio 2013).

"Con la scoperta del Padre, la vostra vita sarà indirizzata al compimento della volontà di Dio ed alla creazione della famiglia di Dio, così come desidera mio Figlio." (2 gennaio 2011).

 A partire da voi e attraverso di voi agirà mio Figlio, perché sarete Uno”, disse Maria nel messaggio del 2 gennaio 2014. Per qual fine? Qui la Madonna alza il velo su uno dei frutti del Trionfo del suo Cuore Immacolato:

A questo anela il mio Cuore materno: all’unità di tutti i miei figli per mezzo di mio Figlio.” (2 gennaio 2014).

 

Franco Sofia 

 

(Per approfondire: Franco Sofia, Medjugorje. Apostoli della Regina della Pace. Ultima chiamata, ed. Mimep, 2020)

La terribile verità che la Madonna tenta di scongiurare con le sue apparizioni

PRIMA PARTE:

https://apostolidellareginadellapace.blogspot.com/2020/12/la-terribile-verita-che-la-madonna.html

SECONDA PARTE:

https://apostolidellareginadellapace.blogspot.com/2020/12/la-terribile-verita-che-la-madonna_30.html

Il grande piano di Dio e la responsabilità degli Apostoli

TERZA PARTE:

https://apostolidellareginadellapace.blogspot.com/2021/01/il-grande-piano-di-dio-e-la.html



[1] Si veda il Capitolo V dedicato alle promesse di Maria ai suoi Apostoli.

[2] Sulla scelta vedi paragrafo a parte più avanti “Io scelgo voi”, Cap. III.

[3] Vedere Capitolo V, Le promesse di Maria ai suoi Apostoli, secondo paragrafo.

sabato 2 gennaio 2021

IL GRANDE PIANO DI DIO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI APOSTOLI

 


La terribile verità che la Madonna tenta di scongiurare con le sue apparizioni

(TERZA PARTE)



 

Nel 2007, in un messaggio dato alla veggente Marija, la Madonna svela il grande piano che Dio vuole realizzare attraverso Medjugorje[1]:

Siete tutti importanti in questo grande piano che Dio porta avanti attraverso Medjugorje. Dio desidera convertire il mondo intero e chiamarlo alla salvezza e al cammino verso di Lui che è il principio e la fine di ogni essere.” (25 giugno 2007).

E, precedentemente, nel 1987 aveva già evidenziato con altri termini corrispondenti questo piano:

“Cari figli, voglio che comprendiate che Dio ha scelto ognuno di voi nel suo piano di salvezza per l'umanità. Voi non potete capire quanto grande sia la vostra persona nel disegno di Dio. Perciò, cari figli, pregate affinché nel pregare comprendiate ciò che poi dovete fare secondo il piano di Dio. Io sono con voi perché possiate tutto realizzare.” (25 gennaio 1987).

Nel giorno di Natale del 1992 aveva ribadito la responsabilità individuale in questa opera grandiosa di Dio:

“vi invito tutti a costruire con me, attraverso la preghiera, il nuovo mondo della pace. Io non posso farlo senza di voi e perciò vi invito tutti con il mio amore materno e il resto lo farà Dio. Perciò apritevi ai piani di Dio e ai suoi progetti per poter collaborare con lui per la pace e il bene e non dimenticate che la vostra vita non è vostra ma un dono con il quale dovete dare gioia agli altri e guidarli verso la vita eterna.” (25 dicembre 1992).

Lei stessa è impegnata in questa impresa sovrumana:

“Cari figli, oggi desidero dirvi che io vi amo. Io vi amo con il mio materno amore e vi invito ad aprirvi completamente a me, affinché io possa, attraverso voi, convertire e salvare il mondo, in cui vi sono molti peccati e molto di ciò che non è bene.” (25 agosto 1992).

L’anno precedente a questo messaggio, nella stessa data, dopo aver citato per la prima volta Fatima in queste apparizioni, la Madonna ha affermato:

“Vi invito, cari figli, a comprendere l’importanza della mia venuta e la serietà della situazione. Desidero salvare tutte le anime e presentarle a Dio. Perciò preghiamo affinché tutto quello che ho cominciato [a Fatima] sia realizzato completamente. (25 agosto 1991).

E ai suoi Apostoli, Maria più di recente ha detto:

“Vi invito a radunarvi nella famiglia di Dio ed a rafforzarvi con la Forza del Padre. Come singoli, figli miei, non potete fermare il male che vuole regnare nel mondo e distruggerlo. Ma per mezzo della volontà di Dio, tutti insieme con mio Figlio, potete cambiare tutto e guarire il mondo.” (2 agosto 2011).

A questi annunci si aggiunge la ferma convinzione di Mirjana:

Dagli incontri ravvicinati con la Madonna avevamo capito che i suoi piani non si limitavano al piccolo paese di Medjugorje o alla Jugoslavia; Lei era venuta per cambiare il mondo intero. Come ci rivelò, il piano di Dio si sarebbe compiuto, alla fine, attraverso una serie di avvenimenti futuri. Iniziò allora a riferirci tali eventi raccomandandoci di non svelarli a nessuno fino a poco tempo prima che si fossero verificati[2].

Non posso rivelare molto sui segreti, - ha detto Mirjana – ma posso dire questo: la Madonna ha deciso di cambiare il mondo. Non è venuta ad annunciare la nostra distruzione, è venuta a salvarci e, con suo Figlio, trionferà sul male[3].

 

Se Dio “desidera convertire il mondo intero”, salvando così “l’umanità”; e se “la Madonna ha deciso di cambiare il mondo”, vuol dire che stavolta Satana non si tirerà dietro tutte quelle anime, o, almeno, non la maggior parte di esse, come nel passato. A Civitavecchia nel 1995 la Madonna aveva espresso proprio questo desiderio: “Satana sa che il suo tempo sta per finire, perché mio Figlio Gesù sta per intervenire. Vi prego aiutatemi non fate intervenire mio figlio Gesù, perché io, vostra Madre, voglio salvare tantissime anime e portarle da mio figlio e non lasciarle a Satana...".

Proprio per accelerare la realizzazione di questo piano, Maria è ricorsa a milizie scelte, cioè ai suoi Apostoli. Tutti importanti in questo piano (“Dio ha scelto ognuno di voi nel suo piano di salvezza per l'umanità”, 25 gennaio 1987; “Siete tutti importanti in questo grande piano che Dio porta avanti attraverso Medjugorje”, 25 giugno 2007), ma non tutti allo stesso modo.

Dal 2000 la Gospa sta preparando i suoi Apostoli attraverso una scuola singolare, potremmo dire di specializzazione.

Il prestigio dell’opera degli Apostoli della Regina della Pace scaturisce dalla piega determinante che gli eventi futuri prenderanno, e ai quali non solo gli Apostoli parteciperanno, ma che contribuiranno a forgiare per la grazia e il volere di Dio, e per una chiamata speciale di Maria.

Agli Apostoli  della Regina della Pace vengono attribuite capacità straordinarie: “sorreggere il mondo”, “salvare se stessi e il mondo[4], essere coloro che aiuteranno il Cuore Immacolato di Maria a raggiungere il Trionfo[5] tanto sospirato; essere i “giusti” che non permetteranno al Male di vincere[6];  essere coloro che con l’amore raggiungeranno l’unione in Cristo e il trionfo del Cuore Immacolato di Maria[7]; essere “i piccoli” che  Dio ha scelto per “realizzare i suoi grandi progetti[8]; essere coloro il cui amore unito “vivrà, vincerà e svelerà il Male”.[9]

E ciò per il semplice fatto che essi, non per capacità proprie, stanno facendo posto allo Spirito Santo, alla grazia del Signore ottenuta per mezzo delle lacrime di Maria, permettendogli di agire attraverso di loro.

(continua)

 

Franco Sofia 

(Per approfondire: Franco Sofia, Medjugorje. Apostoli della Regina della Pace. Ultima chiamata, ed. Mimep, 2020)

 

La terribile verità che la Madonna tenta di scongiurare con le sue apparizioni

PRIMA PARTE:

https://apostolidellareginadellapace.blogspot.com/2020/12/la-terribile-verita-che-la-madonna.html

SECONDA PARTE:

https://apostolidellareginadellapace.blogspot.com/2020/12/la-terribile-verita-che-la-madonna_30.html



[1] Su questo piano, nei messaggi consegnati a Marija, la Gospa ha utilizzato immagini diverse: “vi invito tutti a costruire con me, attraverso la preghiera, il nuovo mondo della pace. Io non posso farlo senza di voi e perciò vi invito tutti con il mio amore materno e il resto lo farà Dio. Perciò apritevi ai piani di Dio e ai suoi progetti per poter collaborare con lui per la pace e il bene…” (25 dicembre 1992); “Con voi desidero rinnovare la preghiera e invitarvi al digiuno che desidero offrire a mio Figlio Gesù per la venuta di un nuovo tempo, un tempo di primavera” (25 ottobre 2000).

[2] Mirjana Soldo, Il mio Cuore trionferà, Editore Matica hrvatska, Citluk, 2016, pp. 89 – 90

[3] Ivi, p. 148

[4] 2 maggio 2017

[5] «Io, attraverso di voi, trionferò» (2 giugno 2007)

[6] (cfr. messaggio 2 novembre 2014)

[7]L’amore vi darà l’unione in mio Figlio e il trionfo del mio Cuore” (2 settembre 2008).

[8]Dio ha scelto voi piccoli per realizzare i suoi grandi progetti” (2 dicembre 2008).

[9]L’amore unito dei miei Apostoli vivrà, vincerà e svelerà il Male” (2 novembre 2016).